VIVE LA BRETAGNE

VIVE LA BRETAGNE

Ma che bella estate è stata quella appena passata.

Come nostra abitudine per le vacanze di agosto siamo andati in Bretagna uno dei nostri posti del cuore nel quale ci sentiamo coccolati e riusciamo a rigenerarci con luoghi magnifici, buon cibo e ottimo sidro.

Abbiamo caricato la nostra auto e siamo partiti; un lungo viaggio fino alle coste bretoni bello e pieno di bellezze da visitare. La Francia come l’Italia è meravigliosa e in qualsiasi posto ti fermi c’è sempre un luogo incantevole da scoprire.

Dai miei numerosi viaggi fatti in questa zona della Francia mi piacerebbe sintetizzare ciò che da sempre mi colpisce di più di questo paese.

Per questo motivo vi elenco in ordine sparso le 10 cose che amo di più fare in Bretagna e che consiglio vivamente:

1 . SCOPRIRE LUOGHI MERAVIGLIOSI

Dietro ogni angolo si nasconde una meraviglia. Ve lo assicuro non è un modo di dire ma la verità che sia uno scorcio, un fiore, un panorama mozzafiato, un bellissimo negozio una casa come nelle favole insomma ce n’è per tutti i gusti.

2.  ASCOLTARE MUSICA PER STRADA

Non so sarà il fatto climatico, che appena arriva la stagione non si vede l’ora di stare al’aria aperta, ma in Bretagna in qualsiasi posto capiti si svolge un festival, una festa paesana o sono presenti decine di locali con musica dal vivo. E visto che i francesi a differenza degli italiani sembrano fregarsene delle apparenze evvia tutti a cantare e ballare insieme in mezzo alla strada non importa tu sia grande,  vecchio o bambino. Adoro davvero!

3.  ALLA RICERCA DI PORTE E PORTONI

Ho trovato porte di tutti i colori e forme da far venire davvero voglia di bussare e scoprire il mondo al di la di quelle assi di legno. E che dire poi delle “plaques de maison”.  Queste non sono altro che quelle che noi chiamiamo numeri civici. Beh in Bretagna la maggior parte delle abitazioni ne espone una che non solo identifica la casa ma ne rappresenta, con un simbolo o un’immagine, la sua essenza e quella dei suoi abitanti. Allora si trovano rappresentate barche a vela, animali e fiori  nelle forme e nei materiali più disparati.  Ti ritrovi allora a girare per le stradine alla ricerca del numero mancante…sì, perché ormai faccio la collezione di foto dei civici Bretoni più belli.

4.  FEST-NOZ 

Con questo termine nella tradizione bretone si indicano i festeggiamenti serali caratterizzati da musica, canti, balli e libagioni, organizzati da ogni singolo comune generalmente dopo una manifestazione religiosa. Queste sono paragonabili alle nostre sagre ma più legate alle tradizioni del territorio.

Non mancano poi d’estate festival dai quali rimanere incantati, ad esempio “Les Filets Bleus” a Concarneau, il “Festival Interceltique” a Lorian, oppure ogni due anni  il “Festival Chant de Marin” a Paimpol . Oppure, per chi fosse appassionato come noi di marineria , è bello ritrovarsi ogni 4 anni, a “Le Feste Maritime” di Brest ad accogliere nella sua bellissima e suggestiva baia più di 2500 imbarcazioni provenienti da tutto il modo.

5. IL MARE CHE “CAMMINA”

So che l’espressione è strana ma è stata la prima cosa che ho pensato quando ho assistito per la prima volta allo spettacolo della marea.  Abituata ai nostri mari,

ogni volta che vedo chilometri di spiaggia che affiorano ed enormi masse d’acqua che  “camminano” avanzando o indietreggiando resto incantata.

6. OSARE QUELLO CHE PENSAVI IMPOSSIBILE

Beh più semplicemente noi in Bretagna ci ritroviamo a fare cose che mai avremmo pensato di fare. La cosa però più eroica?? A vedere Felice sembrerebbe quella di mettere i piedi nel mare gelido.    :  )

7. MERCATO CHE DELIZIA

Il mercato settimanale è molto sentito e attira un gran numero di visitatori diventando il cuore vitale e pulsante di ogni paese. E’ l’evento per eccellenza dove si ci incontra con i produttori, si fa la spesa e si acquistano prodotti di prima qualità e dove si trovano ancora i mestieri della tradizione. Trovi allora l’impagliatore di sedie, l’arrotino, quello che crea cesti, chi vende stoffe, ma soprattutto puoi mangiare una crepes per la quale sei disposto anche a fare una lunga fila.

8. NAVIGARE PER I MARI BRETONI O SCIVOLARE SUI FIUMI

E’ sempre una gioia arrivare in porto, ma attenzione perchè se sbagli i calcoli la bassa marea ti costringe a cambiare i piani. Albe e tramonti mozzafiato, ma un occhio sempre al meteo che qui è decisamente variabile. Bello, bello, bello assolutamente bello! Se cerchi però qualcosa di più tranquillo ma non noioso allora una casa galleggiante per risalire i fiumi è la scelta più azzeccata.

9. DI CERTO QUI NON SI SOFFRE LA FAME

Decine e decine di ottimi prodotti,  da quelli di mare ai prodotti della terra, da quelli più semplici a quelli più elaborati. Le beurre salee, le baguettes, i frutti di mare freschi mangiati direttamente nei luoghi di pesca,  il sidro, le crepes e le galettes e che dire delle moules et frites?  Accipicchia ho già l’acquolina !

10. SPIAGGE INCREDIBILI

Ultimo punto ma fondamentale. Distese di sabbia a perdita d’occhio. Si attende che la marea scenda per dedicarsi con secchiello e rastrello alla peche a pied, che consiste nel cercare molluschi e crostacei nella sabbia scoperta dalla marea.  In questi spazi magicamente creati dalla marea possono essere sfruttati per far volare gli aquiloni, costruire castelli di sabbia o piste con le biglie. Camminare per ore con quel profumo sano di alghe, mare e libertà rimane impagabile.